Vai al contenuto

Storia d’un raschietto

7 agosto 2018

C’è che quest’anno si capiva che la barca si muoveva poco. Bimbi piccoli, voglia di spiaggia, di montagna, addirittura di Ischia. E, dunque, di spender un paio di millanta euri nel far pulire la carena ho esitato un po’, fino a che mi son detto: oramai si fa il prossimo anno. E poi ho visto il mio compagno di ventura Giuseppe armarsi di muta e di raschietto e farmi l’elica nuova o quasi. E dunque ne ho comprati due e già con gli amici barbieri, lavorando in coppia, demmo una bella sgrossata.
Ora son solo, ma già a Palmarola ieri e poi di nuovo al Core oggi, mi sono messo sotto in sessioni di carenaggio. La roba vien via facile: c’è il vellutello verde che a volte lascio pure, i puntuti denti di cane, in praterie da mezzo centimetro, a volte da uno, che da soddisfazione far saltare alla base, le gorgonie ramificate e anche dei fungoni medusati parecchio skifidol.
Dopo aver fatto nelle prime sessioni quel che era raggiungibile senza vere immersioni, oggi m’e’ toccata la carena più centrale, nonché la pinna, rimasta peraltro poco lavorata.
Con muta, pinne e guanti, tutto indispensabile che sta roba taglia e infetta, mi immergo nuotando a faccia in su da un lato all’altro della chiglia. Rispunto di la’, riprendo fiato e ricomincio.
Dopo un’oretta di questa roba, constato come il mio stato di forma approssimi al livello dei molluschi che asporto: sono tutto stranito, per la posizione a testa in giù, per l’acqua tra naso e orecchie, per compensazioni improvvise e dolorose.
Però ho fatto quasi tutto, manca un po’ di pinna e lo skeg. Ragiono che in 5-6 ore di lavoro si fa veramente tutta, perfino in apnea, e mi chiedo davvero se valga la pena la trafila di farla portare a Terracina per alzarla e pulirla, quando comunque l’antivegetativa che dai fa veramente pochissimo.
A parte cio’, la barca si sta riempiendo di gonfiabili, ed è ferma al Core oramai da 12 ore…. tanto che mi chiedo a che serva aver fatto carena.
Facciamo il bagno, usiamo il tender per andare a cena fuori, peniamo ad addormentare il piccolo di giorno.
Un hotel a 3 stelle nel centro del Core. C’era l’idea di andare a Sud, per quello ho raschiato di brutto, ma forse è meglio stare in zona, tra poco non avremo più il supporto di Zia Giova, e faticheremmo non poco a tenere a bada i cuccioli. Quindi, sara’ un giro in zona, ma a velocità di carena.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...