Vai al contenuto

A Ponza con Senza Parole

18 febbraio 2012
Img-20120218-00291

Webasto-munito, nessuna meta e’ preclusa. Certo ci vuole il gasolio. Allora stamane tocca attendere il fugace passaggio di Mario il benzinaio, che se lo chiami benzinaio s’offende, lui in effetti e’ pescatore, apre su appuntamento e richiude subito dopo. Che ieri glielo ho anche detto, ma oggi c’e’ voluto che Giorgio gli telefonasse. Parentesi triste: Giorgio e Tonino hanno cambiato pontile… proprio i miei favoriti… sarebbe quasi da andarsene… ma anche no, anzi spero ardentemente nel rinnovo.
Comunque, fatto il pieno, resta il problemino che qui al Circeo piove, pioviccica, come diciamo noi di Ortisei.
Strano, a Roma c’e’ il sole… do’ la colpa alla Nuvola del Circeo ed esco. Qualche miglio per saggiare l’aria, poi drizzo la randa e srotolo il genoa: 5-6 nodi in bolina larga per Zannone. Verso le 14 potrei essere arrivato, in tempo per pescare un’oretta, considerare il classico should I stay or sholud I go, avendo tutte le opzioni. E’ che domattina sara’ brutto, pero’ l’idea sarebbe di svegliarmi e partire, sicche’ chissene. Cosi’ e’, giro a Zannone i miei secret spots, senza esito, allora calo tutta la lenza che ho per raggiungere il pesce nelle profondita’ dove dovrebbe svernare. Come ovvio, a un certo punto arranfo il fondo, che quasi sembra dibattersi come pesce vero. Dopo una mezz’oretta di lotta riesco a venire a capo dei vari incagli del monel e assegno la responsabilita’ ad un pezzo di rete vecchia alto sul fondo. Ne esco esausto e in un profondo down psicofisico, che recupero costeggiando Ponza, deserta e stagliata a Sud sul cielo blu. Non ho il tender a mare, di gonfiarlo non se ne parla, scroccare un passaggio non sembra plausibile vista l’assenza di natanti, cosi’ decido di andare in banchina.
Non lo faccio mai, ogni volta le autorita’ controllano i documenti ed eseguono un verbale annotando tutti i dati, pure il numero della polizza della assicurazione, con una dedizione esemplare ed inutile, che ti condanna ad una mezzora di Capitaneria, quando va bene e non ne esce un verbale per qualche scadenza dimenticata.
Quindi controllo prima tutti i documenti, poi chiamo Locamare Ponza sul 16.
Mi mettono in stand-by, mi chiedono lunghezza e pescaggio, altro stand by, acconsentono. Gentilmente. Strano.
Poi mi richiamano. Posso mettermi “a pacchetto”, cioe’ affiancato, senza dare ancora. Gentilissimi. Ormeggio. Sistemo le cime, senza inutili spring che l’acqua e’ calmissima.
Passano con un Porter elettrico. Eccoci. Invece e’ per sincerarsi che sia tutto a posto. “Qualsiasi cosa, sapete dove siamo”. Non ci posso credere, chiudo tutto, scendiamo e ci lanciamo alla ricerca di un ristorante per la sera.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...