Vai al contenuto

Mercoledì, Anse d’Arbitru

12 agosto 2009

Stamame approfitto di trovarmi in porto per andare col banzigo a meta’ albero per sostituire la steaming/deck light, rotta dopo numerosi incattivamenti della drizza randa.
Mi faccio tirar su da Camilla e Maria al winch, usando la drizza gennaker, che fa subito un brutto rumore e si incastra in testa. Bene, sono appeso senza poter andare ne’ su ne’ giu’. Agguanto la drizza randa, la fisso al gancio del banzigo e da sotto la faccio mettere in forza. Proseguo con la drizza randa, a cosa e’ successo all’altra pensero’ poi. Arrivato a meta’ albero, smonto la luce vecchia, c’e’ un rivetto che demolisco col Leatherman, poi fatico in po’ a far uscire i cavi, ma alla fine riesco. Il mio intento era di mandare Maria con il campione dallo ship chandler che e’ a 10 metri dalla barca, ma stamane il cazzone apre alle 3. Mi arrangio con quello che avevo comprato in precedenza, più’ piccolo, ma insomma qualcosa devo arrangiare. Solo che ha due soli cavi e le luci sono due… Mistero.
Provo a collegarli, non si accende nulla. Contatti ossidati. Mi mandano su faccio il CRC electro. Va a tratti. Mi faccio salire col secchio dei Faston, faccio un collegamento decente, ora va la deck light quando accendo steaming light. Smonto il pezzo (sempre appeso) e capisco che dentro la steaming light ci sono le linguette per i faston. I cavi che uscivano erano per la deck light. Ok. Fisso la base della luce con la vite che c’era e un’altra vite la impano nel moncone del rivetto, usandola come bitta per legare l’altro lato della luce. Non mi azzardo a fare un nuovo foro nell’albero. Collego, rimonto, funziona.
Ora mi faccio mandare in testa per la faccenda della drizza gennaker, l’ultima volta in effetti avevo sentito brutti rumori. A fatica, le due ragazze mi tirano su in cima. Il bozzello della drizza e’ semi distrutto e va cambiato. Ma la drizza si e’ incastrata tra guancia e rotella, non viene via. Provo, riprovo, ma non riesco. Dovrei scendere e lavorarla con winch… Provo invece a far fare il lavoro a Maria e Camilla. Mando giu’ la drizza col bozzello rotto (dopo averla fatto giuntare in basso per non perdere il testimone), la faccio abbittare doppia ad una estremita’ e dall’altra faccio fare una gassa intorno alla rotella del bozzello. Maria mette tutto in forza con il winch e dopo un po’ la drizza si scastra! Mitiche! Mi faccio infilare un bozzello nuovo che avevo a bordo, grazie a Camilla che ha segato via il vecchio nodo (inscioglibile) me lo tiro su, fisso il grillo in testa, proviamo il tutto, funziona! Dopo circa due ore mi faccio finalmente calare giu’, veramente felice per l’equipaggio che ho a disposizione!
Spesetta, settaggio barca per uscire, c’e’ pochissimo spazio, ma in quasi assenza di vento riesco a girare la prua con la marcia avanti, senza mandare il timone sulla massicciata alla mia sinistra e senza prendere le prue delle barche di fronte. Prua verso NW, torniamo un pezzo su per farci le cale che abbiamo perso. Anse d’Arbitru ha l’ingresso stretto ma dentro si allarga. Ci sono degli scoglietti al centro che tolgono un po’ di spazio, ma per il resto e’ la cala perfetta!
Acqua piatta, un po’ di barche ma abbiamo tutto lo spazio, ancoriamo su 4 mt di fondo limpidissimo, di sabbia bianca.

Annunci

From → Uncategorized

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...